Il saluki, il più vecchio dei levrieri

Fin dagli albori della civiltà, il Saluki ci ha accompagnato, un cane che nasconde migliaia di anni di storia dietro il suo sguardo. E no, non usiamo un dispositivo letterario. Questo levriero non è solo il più antico del suo genere, ma è anche considerato un delle razze canine più antiche del mondo mondo, avendo vissuto con i Sumeri e gli Egiziani.

La selezione genetica della razza ha reso il saluki un cane perfettamente adattato per a caccia di gazzelle nel deserto, attualmente considerato come la gara di cane più veloce sulle lunghe distanze, raggiungendo velocità fino a 68 km all'ora. Sebbene questa visione della razza sia mantenuta in Medio Oriente, negli ultimi anni hanno iniziato a nascono organizzazioni che difendono i loro diritti e combattono per cambiare una realtà che nasconde abusi e abbandono nelle sabbie del deserto.

ORIGINE E STORIA DI SALUKI

La storia di saluki affonda le sue radici nella sabbia del tempo, esistendo riferimenti di un cane molto simile nei reperti archeologici da Mesopotamia ed Egitto.

Furono addomesticati in Mesopotamia dai Sumeri, diventando una delle razze più diffuse nella regione e tanto apprezzate da essere seppellite con grande cura dopo la loro morte, come attestano i resti archeologici. La razza divenne popolare anche in Egitto, sebbene temporaneamente più tardi che in Mesopotamia. Considerato il "Cane Reale d'Egitto«, è rappresentato nelle pitture murali delle tombe faraoniche, sia come cane da caccia che come compagno, e hanno mummificato offrire ad Anubi e accompagnare il suo umano dopo la sua morte.

La sua storia e la successiva evoluzione è legata alle tribù del deserto, il che spiegherebbe la mancanza di dati. Questa tradizione nomade ampliato la razza in una vasta regione che comprende dal deserto del Sahara al Mar Caspio, favorendo lo sviluppo di diversi tipi di saluki a seconda della regione in cui vive e diventando il futuro padre del segugio afgano. I Saluki erano molto apprezzati per le loro abilità di caccia tra i I popoli berberi e tradizionalmente si davano l'un l'altro a persone di grande stima o scambiati con oggetti di grande valore.

Così arrivarono in Europa i primi esemplari, con il primo record in Belgio durante il Medioevo. Ciò nonostante, Fu solo nel XIX secolo che i Saluki tornarono nell'antico continente, quando Florence Amherst portò esemplari in Inghilterra dal Basso Egitto nel 1840.

La sua popolarità in Europa è stata raggiunta nel XX secolo, quando gli ufficiali britannici tornarono alle loro terre accompagnati da nuovi esemplari dopo la fine della rivolta araba di la prima guerra mondiale. Allo stesso modo, la sua ascesa coincise con la scoperta della tomba di Tutankhamon da parte di Howard Carter nel 1922 e il fascino dell'Europa per l'antico Egitto.

Gli esemplari giunti in Europa appartenevano a tipologie diverse per la loro ampia varietà geografica. Non è stato fino all'istituzione di Standard britannico del 1923 quando le varietà esistenti furono unificate, uno standard che ha cercato di rispettare i tratti più caratteristici di tutte le tipologie originarie e che ha mantenuto due linee razziali, una per i capelli corti e una per i capelli lunghi con le sue caratteristiche serrature.

La seconda guerra mondiale è stata una grande battuta d'arresto per la razza. Tutte le attività canine furono paralizzate e la durezza della guerra indusse molti proprietari a evitare nuove cucciolate o addirittura a sopprimere i loro cani per evitare la morte per fame. Pochissimi esemplari sono sopravvissuti, ma con la fine della guerra e il ritorno di nuovi esemplari dal Medio Oriente ha permesso alla razza di riemergere in Europa.

Oggi la bella saluki ha guadagnato il suo posto nelle esposizioni canine, così come un bel angolino sui divani di migliaia di famiglie occidentali grazie alla sua dolcezza. Ciò nonostante, in Medio Oriente il suo status di cane da caccia è stato congelato da tempo immemorabile e le sue abilità di corsa l'hanno reso popolare come cane da corsa. Anche così, negli ultimi anni si sono verificati cambiamenti in paesi come gli Emirati Arabi Uniti, dove sono emerse organizzazioni che combattere abusi e negligenza che soffrono di questa razza e li aiutano a trovare una nuova casa fuori dal paese.

CARATTERISTICHE FISICHE DEL SALUKI

Lo standard ufficiale di saluki è stato stabilito dal Federazione cinologica internazionale nel 2000. Classificato nel gruppo 10 sezione 1 come levrieri lunghi o con le frange, loro caratteristiche fisiche Sono:

  1. Speranza di tutta la vita: tra i 12 ei 14 anni.
  2. Dimensione: grande.
  3. Altezza: tra 55 e 70 cm.
  4. Peso: tra 25 e 45 kg.
  5. Carnagione: magro.
  6. Estremità: lungo e forte.
  7. Occhi: lungo e ovale di colore da scuro a nocciola e brillante.
  8. Orecchie: lungo e ricoperto di pelo lungo e setoso. La sua inserzione è alta, mobile e cade a ridosso del cranio.
  9. Muso: lungo con tartufo nero o marrone fegato.
  10. Mascelle: forte con una perfetta chiusura a forbice.
  11. Collo: lungo, ricurvo e ben muscoloso.
  12. Coda: lungo e ricurvo, con pelo lungo e setoso nella parte inferiore.
  13. Capelli: liscio e setoso. La varietà a pelo lungo presenta frange sulla coda, sulle zampe, sulla parte inferiore delle cosce e sulla gola.
  14. Colori mantello: è consentito qualsiasi colore o combinazione, eccetto il tigrato: bianco, beige, oro, rosso, grigio con marrone focato, nero con marrone focato e tricolore in bianco, nero e focato.

Esistono due varietà del levriero persiano, una a pelo lungo e l'altra a pelo corto.. Entrambi hanno le stesse caratteristiche, fatta eccezione per le frange del mantello nella varietà a pelo corto.

Questi graziosi levrieri sono cani molto forti e resistenti, in grado di resistere a condizioni climatiche avverse. Li avevamo geneticamente selezionato per rintracciare e cacciare l'antilope più veloce, le gazzelle, quindi si distinguono per la loro grande velocità nella corsa su sabbia e terreno sassoso. Questa selezione li ha resi grandi corridori E, a differenza dei levrieri e dei whippet, possono farlo per chilometri senza esaurirsi.

PERSONAGGIO DI SALUKI

Dopo il suo contegno elegante e una certa indifferenza, si nasconde un timido levriero che tiene bene le distanze dagli estranei. Il saluki mostra il suo lato più dolce in famiglia, un cane amorevole e gentile con chi gli è più vicino. tende a creare un legame speciale con un certo membro del loro ambiente. Per questo motivo, non dovremmo trascurare la sua socializzazione con altri umani nella fase di imprinting per aiutarlo a superare la sua timidezza da adulto.

Da buona razza orientale, questi levrieri sono cani molto indipendenti. Si può insegnare loro l'obbedienza, ma con pazienza, costanza e costanza. Come altre razze di levrieri, dovresti optare per un educazione educata o positiva in cui si rinuncia alla punizione attiva e alla paura per evitare gravi problemi comportamentali, come l'impotenza appresa.

Il saluki è stato selezionato per il caccia alla gazzella, quindi ha una predisposizione naturale alla caccia preda in movimento. Ma non solo si fida del suo sguardo, si fida anche del suo olfatto, con il quale rintraccia possibili prede fuori dal suo campo visivo. Per tutto questo deve essere curare la socializzazione durante la fase del cucciolo per non favorire il loro grande istinto cacciatore, presentando diverse specie con cui vivrà nel suo ambiente, come cani di piccola taglia, gatti e conigli, tra gli altri.

Se il tuo levriero ha un forte istinto, non è consigliabile rilasciarlo in spazi aperti o con recinzioni che non superino i due metri di altezza perché possono saltarci sopra con facilità.

I saluti Sono cani molto attivi, ma questo non significa che dobbiamo forzare l'esercizio fisico per stancarli. La tua routine ideale includerebbe passeggiate quotidiane in cui è permesso qualche minuto di corsa al tuo ritmo e in libertà, così come annusare i giochi per sfidarti e mantenerti mentalmente attivo.

MALATTIE DI SALUKI

Il levriero persiano può essere affetto da a serie di patologie più frequenti nel loro gruppo razziale:

  1. Malattie cardiache.
  2. Atrofia retinica progressiva.
  3. Displasia dell'anca.
  4. Dilatazione gastrica.
  5. Leucodistrofia.
  6. Ceroidolipofuscinosi.
  7. Sensibilità chimica a determinati composti e trattamenti medici, come l'anestesia.
  8. Malattia del motoneurone.
  9. Displasia follicolare dei capelli neri.
  10. Trombocitopenia
  11. Ipotiroidismo
  12. Emangiosarcoma canino.

SALUKI CARE

Il levriero persiano è un cane di poca cura. Principalmente, si dovrebbe prestare attenzione a le sue unghie, quale crescere molto rapidamente e devono essere tagliati o limati regolarmente per evitare fessurazioni, rotture o deformazioni plantari.

Il varietà a pelo lungo richiede un po' più di attenzione, come un spazzolatura regolare per mantenere i capelli morbidi, sani e senza nodi. Dovrebbero anche essere curarsi le orecchie per prevenire l'accumulo di cera e sporco tra le tue ciocche.

Bisogna anche evitare che poggi a terra o su superfici dure perché è una razza soggetta a calli e piaghe articolari. 

Come con altri cani, deve visita regolarmente il veterinario per la vaccinazione, la sverminazione e i controlli sanitari. Dovresti anche mantenere un file routine stabile di passeggiate quotidiane e alimentazione.

TU E IL TUO SALUKI

Sei uno dei fortunati a condividere il tuo divano con un levriero persiano? Bene, non aspettare oltre per condividere la tua esperienza con noi.Vai avanti e lasciaci un commento raccontandoci la tua storia. Non vediamo l'ora di incontrarla!

it_ITIT
Fammi sapere quando è! Ti informeremo quando il prodotto sarà nuovamente disponibile. Lascia la tua e-mail.
E-mail Quantità Non condivideremo le tue informazioni con nessuno!